Malattie professionali
Lavora
in salute!
Verifica i rischi
del tuo lavoro.
In pochi semplici
passi scopri
quali sono i rischi
per la tua salute
e cosa fare per
tutelarti dalle
malattie professionali.

Lavora in salute!

Verifica i rischi del tuo lavoro.

Mansione selezionata

Verifica
  • 1 Lavoro
  • 2 Rischi
  • 3 Sintomi
  • 4 Soluzioni
Seleziona il tipo d'attività conferma chiudi

Malattie Professionali

Non fanno rumore quanto una persona che cade da un’impalcatura, eppure uccidono come e più degli infortuni sul lavoro: sono le malattie professionali, patologie che spesso si manifestano dopo anni dal momento dell’esposizione al rischio sul luogo di lavoro. Dal 2008 le denunce all’Inail sono aumentate del 51%. I lavoratori ammalati, secondo le ultime stime, sono 36.300

Che cos'e' una malattia professionale

Viene considerata malattia professionale, risarcibile dall'assicurazione, quella contratta nell'esercizio e a causa del lavoro svolto. Essa si differenzia dall'infortunio in quanto è l'effetto di una graduale, progressiva, lenta azione di fattori morbigeni presenti nell'ambiente di lavoro che minano e compromettono la salute del lavoratore.

Per determinate lavorazioni, elencate in apposita tabella, la legge riconosce per certa  la relazione tra lavoro e malattia, purché quest’ultima si manifesti nel periodo massimo di indennizzabilità dall’abbandono della lavorazione a rischio. Tale periodo viene fissato per legge in base alla lavorazione ritenuta causa della malattia stessa. Pertanto, il lavoratore deve solo dimostrare di essere stato impiegato in determinate lavorazioni. Le malattie professionali sono indicate in due distinte tabelle, una per l'industria e l'altra per l'agricoltura.  Inoltre, sono assicurate la silicosi e l'asbestosi contratte nell'esercizio dell'attività lavorativa rispetto alle quali il periodo massimo di indennizzabilità è illimitato.

Per le patologie che non rientrano in queste tabelle, o che si manifestino oltre il periodo massimo d’indennizzabilità, il lavoratore dovrà dimostrare che la malattia è insorta a causa della professione svolta 1.

1. Principio introdotto dalla sentenza 179/88 della Corte Costituzionale

La procedura amministrativa

In caso di malattia professionale, il lavoratore deve darne comunicazione al datore di lavoro entro 15 giorni dalla data in cui viene a conoscenza della malattia stessa; il datore di lavoro, a sua volta, ha 5 giorni di tempo per la comunicazione all'Inail.

L'autorità di Pubblica Sicurezza deve comunicare al Pretore gli infortuni mortali e quelli che determinano una invalidità superiore ai 30 giorni. Il Pretore deve promuovere, nel più breve tempo possibile, l'inchiesta sul posto di lavoro per accertare le cause e le circostanze dell'avvenuto infortunio. Il lavoratore ha diritto di ricevere tutte le cure necessarie per riacquistare la capacità lavorativa.

Il termine di prescrizione per ottenere le prestazioni, è di 3 anni dalla manifestazione della malattia professionale (art. 112 T.U. 1124/65).

Gli enti assicuratori

L'assicurazione contro le malattie professionali è gestita dall'Inail – che comprende anche il  settore navigazione (ex-Ipsema) - e dall'Enpaia.2013-11-25.

  • L'Inail "Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro” assicura i lavoratori che svolgono attività a rischio, garantendo il reinserimento nella vita lavorativa degli infortunati sul lavoro. L’assicurazione, obbligatoria per tutti i datori di lavoro che occupano lavoratori dipendenti e parasubordinati nelle attività che la legge individua come rischiose, tutela il lavoratore contro i danni derivanti da malattie professionali causati dalla attività lavorativa. Presso l’Inail sono generalmente assicurati quasi tutti i lavoratori che prestano opera manuale, o anche di concetto, retribuita alle dipendenze altrui. Sono protetti anche i lavori per i servizi domestici e familiari, qualunque sia la durata delle prestazioni, e i lavori per i servizi di riassetto o pulizia di locali.
  • L’Inail – settore navigazione (ex - Ipsema2 ) assicura contro le malattie professionali il personale della navigazione marittima che, per tipo di attività e condizioni di lavoro, è esposto a fattori di rischio di ordine tecnico – ambientale e professionale, connessi allo stile di vita che caratterizza la navigazione.
  • L’Enpaia “Ente nazionale di previdenza e assistenza impiegati agricoli” è un ente di natura privata che gestisce in via esclusiva l’assicurazione contro le malattie professionali dei lavoratori dell’azienda agraria inquadrati in qualità di impiegati e dirigenti.  Gli operai fissi o avventizi addetti ad aziende agricoli o forestali, i proprietari, mezzadri, affittuari, loro mogli e figli che prestano opera abituale nelle loro aziende sono assicurati, infatti, presso l’Inail.

2. L’Ipsema era l'"Istituto di Previdenza del settore marittimo" soppresso con il D.L. 78/2010 convertito in L. 122/10 ed attualmente incorporato nell’Inail.

Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.