Malattie professionali
Lavora
in salute!
Verifica i rischi
del tuo lavoro.
In pochi semplici
passi scopri
quali sono i rischi
per la tua salute
e cosa fare per
tutelarti dalle
malattie professionali.

Lavora in salute!

Verifica i rischi del tuo lavoro.

Mansione selezionata

Verifica
  • 1 Lavoro
  • 2 Rischi
  • 3 Sintomi
  • 4 Soluzioni
Seleziona il tipo d'attività conferma chiudi

News

Lavoro notturno: i rischi per la salute

24-03-2017

Muratori, panettieri, forze dell’ordine, giornalisti, medici, infermieri, autotrasportatori: sono questi i lavoratori che, più di frequente, effettuano turni di lavoro notturno.
È noto che questa tipologia di impiego specialmente se comprende anche la notte, costituisce una fonte di stress fisico e mentale: la drastica alterazione dell’equilibrio sonno/veglia e la mancanza di un riposo adeguato influiscono negativamente sulle funzioni biologiche e determinano a lungo andare sonnolenza, stanchezza, difficoltà di concentrazione e irritabilità, che possono compromettere la capacità di svolgere le attività quotidiane in modo efficiente. 
Scientificamente questo stato di salute corrisponde ad una vera e propria malattia, la cosiddetta sindrome del “turnista”, che colpisce il 10-15% dei lavoratori.
L’opinione che il lavoro notturno comportasse dei rischi per la salute ha iniziato a farsi largo già dagli anni Trenta del Novecento quando, con l’avvento dell’attività industriale su larga scala e della relativa alternanza dei lavoratori, si è iniziato a notare un aumento dell’incidenza dei tumori nei lavoratori che effettuavano turni di notte.
A partire dagli anni Ottanta, alcune ricerche hanno ammesso l’esistenza di una correlazione tra il lavoro notturno e l’insorgenza di alcune neoplasie come, ad esempio il tumore al polmone ed il carcinoma del colon.
Tale dato è stato confermato anche in anni più recenti da indagini epidemiologiche condotte su alcune categorie di lavoratori su rotazione, quali assistenti di volo e operatori di call center.

Archivio news>>
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.