Malattie professionali
Lavora
in salute!
Verifica i rischi
del tuo lavoro.
In pochi semplici
passi scopri
quali sono i rischi
per la tua salute
e cosa fare per
tutelarti dalle
malattie professionali.

Lavora in salute!

Verifica i rischi del tuo lavoro.

Mansione selezionata

Verifica
  • 1 Lavoro
  • 2 Rischi
  • 3 Sintomi
  • 4 Soluzioni
Seleziona il tipo d'attività conferma chiudi

News

Leucemia: nesso tra malattia e lavoro in cokeria

02-12-2016

L’Inail ha riconosciuto la rendita ai superstiti di un giovane operaio della cokeria Lucchini, dello stabilimento siderurgico di Piombino, morto di leucemia linfoblastica acuta.
Il lavoratore aveva solo 38 anni quando gli è stata diagnosticata la malattia che l’ha condotto alla morte solo 2 mesi più tardi.
L’istituto assicuratore ha stabilito che “risulta plausibile un nesso tra l’insorgenza della leucemia e fattori occupazionali”.
Il percorso per il riconoscimento dell’origine professionale della malattia non è stato facile poiché inizialmente mancavano informazioni sufficienti a ricostruire la vita lavorativa dell’operaio.
Il datore di lavoro non aveva fornito le informazioni richieste dall’Inail in merito al profilo di rischio relativo alle lavorazioni presenti nell’azienda siderurgica. Tuttavia, l’informazione è stata reperita successivamente presso una società cliente che aveva svolto lavori in subappalto per la cokeria.
Alla fine, dal documento di valutazione dei rischi, è emerso che i lavoratori venivano a contatto con l’1-idrossipirene, un indicatore della presenza degli idrocarburi policiclici aromatici che sono classificati come cancerogeni.
La cokeria Lucchini, in passato, era già stata oggetto di petizioni, esposti in Procura, manifestazioni che alla fine avevano portato alla chiusura delle batterie di forni più inquinanti.
In effetti, all’epoca furono condotte delle analisi dalla Asl i cui risultati evidenziavano valori di esposizione all’1-idrossiperene in qualche caso anche 30 volte superiore a fine giornata rispetto all’inizio del turno.
Quei lavoratori sono stati esposti a rischio di contrarre malattie correlate al lavoro svolto e il riconoscimento di questo caso specifico ne è la prova.

Archivio news>>
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.