Malattie professionali
Lavora
in salute!
Verifica i rischi
del tuo lavoro.
In pochi semplici
passi scopri
quali sono i rischi
per la tua salute
e cosa fare per
tutelarti dalle
malattie professionali.

Lavora in salute!

Verifica i rischi del tuo lavoro.

Mansione selezionata

Verifica
  • 1 Lavoro
  • 2 Rischi
  • 3 Sintomi
  • 4 Soluzioni
Seleziona il tipo d'attività conferma chiudi

News

Amianto: assolti in appello i dirigenti della Fibronit

18-11-2016

Si è concluso con un’assoluzione il giudizio di secondo grado per due ex dirigenti della Fibronit di Broni (Pavia), la fabbrica specializzata nella lavorazione dell'amianto, nella quale erano impiegati circa 4.000 lavoratori.
La Corte d’Appello di Milano ha ritenuto gli imputati non colpevoli perché il fatto “non costituisce reato”, mentre la contestazione di disastro ambientale è stata dichiarata prescritta.
In primo grado, entrambi gli ex componenti del consiglio d’amministrazione (in carica dal 1987 al 1992) avevano optato per il rito abbreviato ed erano stati condannati per omicidio colposo a 4 anni di carcere e a versare, a titolo di risarcimento, 10.000 € ai familiari delle vittime, circa 90 tra lavoratori ed abitanti delle zone limitrofe.  
Con l'assoluzione sono state revocate anche le disposizioni in materia di risarcimenti alle parti civili, 250 in tutto, tra familiari delle persone decedute, associazioni ambientaliste ed enti pubblici come la Regione Lombardia, l'Asl e la Provincia di Pavia.
Il processo è solo un filone di quello principale ancora in corso presso il tribunale di Pavia.
Secondo l'accusa, la presenza conclamata di amianto nella Fibronit avrebbe causato la morte di oltre 700 persone, colpite da mesotelioma pleurico per aver respirato le polveri del minerale, tra cui ex operai della fabbrica, loro familiari e cittadini residenti nelle zone circostanti l’insediamento industriale.
Si stima, però, che il numero delle vittime sia destinato tragicamente ad aumentare. Infatti, molti altri, ad oggi non ancora ammalati, sarebbero tutt’ora esposti al rischio, dato l’elevato periodo di latenza del mesotelioma che può arrivare anche a 40 anni dall’esposizione alla “fibra killer”.
In favore dei lavoratori vittime dell’asbesto e dei loro familiari, nel 2007 è stato istituito presso l’Inail il Fondo per le vittime dell’amianto che eroga una prestazione economica in favore di coloro che hanno contratto patologie amianto correlate e, in caso di morte degli interessati, dei loro eredi.

Di recente, la platea dei soggetti che possono beneficiare delle prestazioni del fondo è stata ampliata. Infatti, sono stati introdotti ulteriori benefici di importo pari a 5.600 € in favore:

  • dei malati di mesotelioma contratto per esposizione familiare a lavoratori impiegati in Italia o per esposizione ambientale avvenuta sul territorio nazionale (per gli anni 2015/2017);

  • degli eredi di coloro che sono deceduti a seguito di una patologia asbesto-correlata, per esposizione familiare e/o ambientale all’amianto.

Archivio news>>
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.