Malattie professionali
Lavora
in salute!
Verifica i rischi
del tuo lavoro.
In pochi semplici
passi scopri
quali sono i rischi
per la tua salute
e cosa fare per
tutelarti dalle
malattie professionali.

Lavora in salute!

Verifica i rischi del tuo lavoro.

Mansione selezionata

Verifica
  • 1 Lavoro
  • 2 Rischi
  • 3 Sintomi
  • 4 Soluzioni
Seleziona il tipo d'attività conferma chiudi

News

Lavoratori del legno: i rischi del mestiere

12-04-2019

In questi giorni in cui si svolge il Salone del Mobile di Milano, uno degli appuntamento più importanti per il mondo dell’arredo e del design, è giusto ricordare i rischi professionali che i lavoratori del comparto del legno devono affrontare. In questo campo, si pensa immediatamente alle malattie legate all’apparato respiratorio, come l’asma bronchiale e la bronchite, per le polveri che vengono inalate quotidianamente. Ma le patologie che possono colpire gli addetti del settore sono molte di più.

Il lavoro in segheria, quello di incollaggio, di scartatura, levigatura e verniciatura, infatti, espongono la salute di chi opera in quest’ambito a vari tipi di danni.

Nel 2017, ad esempio, l’Inail ha registrato, per il comparto legno, quasi 500 denunce di malattia professionale, tra cui più di 200 riguardano il sistema osteomuscolare, con sindrome della cuffia dei rotatori e ernie del disco: la movimentazione manuale del legno, a volte di quantitativi molto pesanti, le posture incongrue e i movimenti ripetuti durante i turni di lavoro possono esserne la causa.

I macchinari non possono sostituire totalmente il lavoro svolto dall’uomo e, anche nei casi in cui ciò è possibile, la produzione industriale dei manufatti con l’utilizzo delle nuove tecnologie genera esposizione a rumore che può provocare diminuzioni dell’udito e acufeni.   

Ci sono poi le denunce di malattie del sistema nervoso, prima fra tutte la sindrome del tunnel carpale, che colpisce soprattutto coloro che svolgono lavori di precisione e di rifinitura. I rischi chimici, poi, a lungo andare possono provocare gravi forme di tumore: le polveri di legno, riconosciute come cancerogene, possono favorire lo sviluppo di carcinomi naso-sinusali anche 15 o 20 anni dopo l’esposizione. 

Archivio news>>
Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.